Tredicenne affogato a San Leone dopo fuga dal centro di accoglienza: due assoluzioni

Il giudice monocratico del Tribunale di Agrigento Alessandro Quattrocchi ha assolto dal reato di omicidio colposo Angelo Romano,48 anni di Palma di Montechiaro, e Clara D’Agostino, 32 anni di Naro, finiti a processo in seguito alla morte del minore Sayednas Abdul Uky, affogato nel mare di San Leone nell’ottobre 2015. 

L’accusa chiedeva la condanna degli imputati ad un anno di reclusione. Secondo l’impianto accusatorio Romano, in qualità di amministratore della comunità per minori, e D’Agostino, in qualità di educatrice,non avrebbero adottato tutte le misure necessarie per controllare entrata e uscita dei minori ospiti della comunità. 

La vittima, in compagnia di altri giovani, riuscì ad eludere i controlli e uscire dalla struttura in viale Cannatello per raggiungere la spiaggia di San Leone dove morì per annegamento dopo un bagno. Romano e D’Agostino sono difesi dall’avvocato Santo Lucia.  
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Tredicenne affogato a San Leone dopo fuga dal centro di accoglienza: due assoluzioni


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer