Tentata estorsione a imprenditore di Solarino, pene ridotte a due avolesi

Condanna ridotta per due imputati , confermata per gli altri due componenti arrestati all’epoca dai militari dell’arma di Noto per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, ai danni di un imprenditore di Solarino che stava costruendo una clinica privata in contrada Fiumara-Zagaria, in territorio di Avola. Due dei quattro imputati invece condannati alla rifusione a favore del Comune di Avola che si era costituito in giudizio come parte civile per tutelare l’immagine della città. A comparire davanti ai giudici della seconda sezione della Corte di Appello di Catania, martedì scorso, per una vicenda che il 6 luglio del 2017 li portò in carcere per una tentata estorsione aggravata, sono stati gli avolesi Paolo Zuppardo, Giuseppe Capozio Junior, Luciano Capozio e Corrado Lazzaro, difesi dagli avvocati Sinuhè Curcuraci, Natale Vaccarisi e Antonino Campisi. Con sentenza di condanna diffusa il 4 dicembre scorso dal Gip del tribunale di Catania Monaco Crea, …
Leggi anche altri post su Siracusa o leggi originale
Tentata estorsione a imprenditore di Solarino, pene ridotte a due avolesi


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer