Siracusa, imputato nel processo ‘Tonnara’ collabora con la giustizia

Un imputato del processo ‘Tonnara’, l’operazione antidroga che portò a Siracusa all’arresto di boss gregari, ha deciso di collaborare con la Giustizia. Si tratta di Pasquale Graziano Urso, figlio di Agostino, da non confondere con il vecchio capomafia ‘U prufissuri’ ucciso a Fontane Bianche il 28 giugno del 1992, ma di Urso detto ‘U biondo. Il nuovo pentito ha lasciato il carcere Pagliarelli di Palermo per essere trasferito in un istituto di reclusione dove ci sono rinchiusi i collaboratori.
Pasquale Graziano Urso, è stato già sentito dal pm della Distrettuale Antimafia di Catania, Alessandro La Rosa, per mettere nero su bianco i particolari sull’attività dell’organizzazione siracusana.
Alla sbarra siedono Danilo Briante, 44 anni, Alessandro Abela, 33 anni, Dario Caldarella, 35 anni, Giuseppina Riani, Antonio Rizza, 31 anni, Ivan Rossitto, 33 anni, Massimo Salemi, 45 anni, Pasquale Graziano Urso, 25 anni, Raffaele Ballocco, 32 anni, Vincenzo …
Leggi anche altri post su Siracusa o leggi originale
Siracusa, imputato nel processo ‘Tonnara’ collabora con la giustizia


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer