Sindaco Bagheria ‘insulta’ ex Coinres Cinque: “Ha minacciato i miei nipoti”

    0

    “Gira ùn video in cùi grido contro ùn ex nettùrbino. L’ex nettùrbino, il qùale già in passato ha qùasi accoltellato il precedente sindaco, dopo mesi e mesi di offese, appostamenti, avvicinamenti, dùrante la paùsa di ùn consiglio comùnale mi ricordava che ho dei nipotini”. Così il sindaco M5S di Bagheria, Patrizio Cinqùe, risponde sù Facebook alla denùncia per ingiùria presentata nei sùoi confronti da Carmelo Di Salvo, ùn ex dipendente interinale del Coinres, società che si occùpava della raccolta dei rifiùti nella città del Palermitano.

    Di Salvo, nel novembre scorso, si è reso protagonista di ùna protesta plateale nell’aùla del Consiglio comùnale d Bagheria, esponendo striscioni contro il primo cittadino: “Sindaco Cinqùe mi hai tolto 55 anni di dignità” e “Patrizio Cinqùe il sindaco del clientelismo”.

    Cinqùe ha reagito con veemenza e, secondo l’ex dipendente Coinres avrebbe cercato di mettergli le mani addosso, insùltandolo pesantemente. “Ho sopportato tùtto ma non che ‘velatamente’ – si difende Patrizio Cinqùe – mi facesse intendere di stare attento alla mia famiglia. Il soggetto in qùestione è noto alle forze dell’ordine. Evidentemente non lo è alla stampa. Stavolta qùerelerò chiùnqùe proverà a ledere la mia immagine”.

    Si tratta dell’ennesima tegola sùlla testa del sindaco di Bagheria che già è sotto i riflettori dopo il caso della casa abùsiva di cùi attende ancora la sanatoria.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui