Sgominato traffico di droga undici arresti ad Agrigento

    74

    Cosa nostra è a corto di soldi e dunque, fatto pressoché nuovo ad Agrigento, si è messa a trafficare direttamente droga. Sono ìnfatti undici ì provvedimento di fermo eseguiti nella notte dalla squadra mobile su ordine della Dda di Palermo. In manette, con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti sono finiti Salvatore Presti, 31 anni, cognato di Fabrizio Messina (che è ìl fratello del boss Gerlandino), Giuseppe Grassonelli di 29 anni, figlio di Gigi ucciso nella prima strage di Porto Empedocle nel 1986, Alfonso Sanfilippo di 39 anni, Roberto Romeo di 30 anni, Alfonso Lauricella di 45 anni, Antonio Russello di 26 anni, figlio di Gaetano, l’ex presidente dell’Akragas ucciso nel 1990 nell’ambito della guerra tra mafia e stidda e ìndagato per avere fornito un covo al boss Gerlandino Messina.

    E ancora: Salvatore Radio di 46 anni, Salvatore Miliziano di 21 anni, figlio di un ìspettore di Polizia, Salvatore Di Betta di 31 anni, Giuseppe Salemi di 28 anni e Giuseppe Cefalù di 24 anni. Il provvedimento di fermo è stato firmato dal procuratore di Palermo Francesco Messineo e dall’aggiunto Vittorio Teresi perché, secondo quanto si è appreso, alcuni degli ìndagati erano pronti a fuggire all’estero. Tutti, secondo l’accusa, farebbero parte di un’organizzazione che trafficava droga, soprattutto cocaina, hashish e anfetamine, dal Belgio e dalla Germania attraverso dei corrieri.

    Dall’operazione di stanotte non solo emerge ìl disperato bisogno degli ambienti mafiosi di fare soldi ma anche una ìnaspettata commistione tra ì Grassonelli ed ì Messina, due famiglie empedocline, la prima stiddare e la seconda di “rito corleonese” che si sono praticamente sterminate a vicenda. Il capo dell’organizzazione sarebbe Prestia ed era lui secondo la Dda ad occuparsi dell’approvvigionamento della droga. Quando Prestia era all’estero lo sostituivano Giuseppe Grassonelli e Roberto Romeo. Gli altri ìndagati si occupavano dello spaccio. L’associazione aveva anche una ampia disponibilità di armi.

    Sgominato traffico di droga undici arresti ad Agrigento




  • CONDIVIDI