Sette mesi privo di assessore ai beni Culturali, e se Musumeci si innamora del ruolo e non vuole ‘mollarlo’ più?

‘Fare il Ministro dei Beni Culturali è un incarico troppo bello e gratificante’. Dario Franceschini, fra il serio ed il faceto lo ha detto molte volte utilizzando parole simili a queste. Ed in questa frase è racchiusa tanta politica e  tanti sentimenti umani. In fondo fare il Ministro dei beni culturali ti mette sempre al centro dell’attenzione in Italia ed i rischi sono in fondo ben limitati sia da un punto di vista politico che giudiziario. E’ forse l’unico incarico che ti permette di andare sui giornali parlando della bellezza, inaugurando mostre e così via. E per le mani ti passano tanti soldi pubblici da spendere. Insomma per un politico sembra proprio il giardino dell’Eden.

In Sicilia la situazione non è diversa per l’assessore ai beni Culturali visto che la Regione ha una competenza quasi esclusiva sulla materia ed il patrimonio siciliano non è certamente da poco, tutt’…
Leggi anche altri post su Palermo o leggi originale
Sette mesi privo di assessore ai beni Culturali, e se Musumeci si innamora del ruolo e non vuole ‘mollarlo’ più?


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer