Categorie
notizie

Sequestrate 42 bici thailandesi al porto di Palermo: così diventavano scooter elettrici

Sequestrate 42 bici thailandesi al porto di Palermo: così diventavano scooter elettrici

Sembravano biciclette elettriche a pedalata assistita, in realtà erano scooter elettrici. I finanzieri del 1° nucleo operativo metropolitano della Guardia di finanza di Palermo insieme ai funzionari del locale Ufficio delle dogane hanno sequestrato 42 acceleratori di matrice thailandese, stivati all’interno di un container. Denunciato l’importatore per aver introdotto in Italia “prodotti pericolosi”, che erano con destinazione a un imprenditore della provincia di Trapani.I controlli sono scattati dopo la segnalazione di un carico di biciclette elettriche importate dalla Thailandia. Al momento dell’ispezione all’interno del container i finanzieri hanno notato che le biciclette elettriche a pedalata assistita erano pronte per essere trasformate in scooter a propulsione elettrica, perchè sul lato destro del manubrio erano dotate di connettore elettrico con 3 fili che consente l’immediato collegamento ai singoli acceleratori. Il meccanismo, di fatto li trasformava in ciclomotori privi di omologazione, non soggetti a copertura assicurativa e pronti per la commercializzazione e utilizzo anche da parte

Il post intitolato: Sequestrate 42 bici thailandesi al porto di Palermo: così diventavano scooter elettrici è stato inserito il 2021-03-15 08: 25: 48 dal sito online (gds.)

Approfondisci

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo