“Sentenza Corte europea non si applica ad altri casi”


E’ escluso che il verdetto della Corte europea dei diritti dell’uomo sul caso Contrada del 2015, si applichi anche agli altri condannati per concorso esterno per fatti commessi prima dell’ottobre 1994, quando la tipologia del reato è stata ‘codificata’. Lo hanno deciso le Sezioni Unite della Cassazione negando che i condannati per concorso esterno, “fratelli minori” dell’ex 007 del Sisde, possano ottenere la revisione usando il verdetto Cedu: non è una “sentenza pilota” e non è “espressione di una consolidata giurisprudenza Ue”. In particolare, le Sezioni Unite penali della Suprema Corte – dato il contrasto di orientamenti tra sentenze della stessa Cassazione – hanno dato risposta “negativa” al quesito di diritto sulla estensibilità dei principi affermanti dalla Corte europea, il 14 aprile 2015 nel caso ‘Contrada contro Italia’, agli altri condannati per concorso esterno, come Dell’Utri, che “si …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
“Sentenza Corte europea non si applica ad altri casi”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer