La segretaria della Cisl Furlan a Messina: “Non sono contraria al Ponte, ma prima le Infrastrutture”

118
La segretaria della Cisl Furlan a Messina:

La segretaria della Cisl Furlan a Messina: “Non sono contraria al Ponte, ma prima le Infrastrutture”

“Dobbiamo creare una pensione di garanzia per i nostri giovani perché è inaccettabile arrendersi al fatto che dovranno essere anziani poveri”. A dirlo durante il consiglio generale Cisl di Messina nella sede della Città metropolitana il segretario generale Cisl Annamaria Furlan. “Abbiamo appena aperto – continua Furlan – il tavolo di confronto sulla riforma delle pensioni con la ministra e sono speranzosa. Riformare la Fornero e l’attuale legge pensionistica non significa solo come sta avvenendo la discussione su Quota 100; è invece una cosa ben più complessa e deve essere un atto riformatorio ben più largo”. “Alcune questioni che da tempo poniamo come sindacati nel nostro paese e che fanno parte della piattaforma unitaria della Cisl, Cgil e Uil, – ha aggiunto – saranno oggetto di tavoli di confronto tematici sulle priorità. Si deve creare una ricerca scientifica appropriata e attraverso l’estensione dell’Ape sociale una correlazione tra la flessibilità di uscita e la…
“Non sono contraria al Ponte sullo Stretto. Credo tuttavia che debba servire a collegare tutta l’Italia con la Sicilia, dove abbiamo ancora la linea ferroviaria borbonica e dove mancano le autostrade ed è necessario intervenire”. Lo ha detto durante il consiglio generale Cisl di Messina nella sede della Città metropolitana il segretario generale Cisl Annamaria Furlan. “Sulle infrastrutture – ha aggiunto – c’è moltissimo da fare, dobbiamo scegliere delle priorità e dei tempi. Il ponte da solo serve davvero a poco. Abbiamo necessità di mettere a posto le infrastrutture esistenti, spesso assolutamente inadeguate non sempre sicure per la vita dei cittadini e di far partire nuove infrastrutture. Tutto questo deve essere fatto contemporaneamente in Sicilia come in tutto il paese, nel Sud di più perché ci sono ritardi infrastrutturali non più giustificabili. Quindi i Comuni, le Regioni per le loro competenze, il governo nazionale sblocchino i fondi delle infrastrutture e aprano finalmente i…


fonte