Categorie
notizie

Scuola in Sicilia, deroghe alla norma nazionale. Il M5S: “Scelta incomprensibile e arbitraria”

Scuola in Sicilia, deroghe alla norma nazionale. Il M5S: “Scelta incomprensibile e arbitraria”

Roberto Lagalla, assessore regionale all’Istruzione Scontro fra la Sicilia e Roma sulla presenza degli alunni a scuola, a partire da lunedì. A fronte delle ultime decisioni del Governo centrale, a partire dal 26 aprile, gli studenti che frequentano in aree regionali in zona gialla o arancione tornano in classe nella quasi totalità dei casi (infanzia, elementari e medie al 100%, superiori fra il 70 e il 100%).In Sicilia, invece, il tetto previsto viene derogato. La circolare firmata alcuni giorni fa dall’assessore regionale all’Istruzione, Roberto Lagalla, difatti, prevede che “gli istituti superiori possono adottare percentuali di presenza più basse rispetto alla percentuale compresa fra il 70 e il 100 per cento, ma senza scendere al di sotto del 50 per cento”. Una decisione, quella della Regione Sicilia, che fa discutere e contro la quale c’è già l’alzata di scudi da parte del M5s. “Si tratta di deroghe incomprensibili e arbitrarie – dice Vittoria Casa,

L’articolo intitolato: Scuola in Sicilia, deroghe alla norma nazionale. Il M5S: “Scelta incomprensibile e arbitraria” è stato inserito il 2021-04-24 11: 32: 56 dal sito online (gds.)

Approfondisci

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo