Scarcerato boss dei Laudani Ecco le motivazioni della Corte


CATANIA – Alberto Caruso, nipote del patriarca (ormai scomparso) Sebastiano Laudani, è tornato in libertà. La decisione è arrivata oggi. La Corte d’Appello di Catania ha deciso di accogliere le istanze dei suoi difensori, gli avvocati Alessandro Coco e Maria Caltabiano. Il boss dei Laudani sta affrontando il processo d’appello “Viceré”. In primo grado, in abbreviato, è stato condannato a 13 anni di reclusione. Caruso, fratello del pentito Giuseppe Laudani, è finito dietro le sbarre il 10 febbraio 2016 nell’ambito del maxi blitz che ha azzerato l’intero organigramma del clan dei ‘Mussi i ficurinia’. Già lo scorso maggio, il Tribunale di Sorveglianza ha revocato al boss la misura di sicurezza della libertà vigilata.

Ora Caruso potrà lasciare il carcere di Voghera, in provincia di Pavia, dove è detenuto ormai da …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
Scarcerato boss dei Laudani Ecco le motivazioni della Corte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer