Safg, una stagione tra rischi e altissima professionalità


CATANIA – I Finanzieri del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (Sagf) di Nicolosi abitualmente interessati in numerose operazioni tese a garantire l’incolumità dei turisti e degli escursionisti sui sentieri dell’Etna, durante l’estate bruciante appena trascorsa, sono stati impegnati anche con due interventi di carattere nazionale. In particolare, dai primi giorni di luglio, una forte attività vulcanica, seguita da una violenta esplosione nella parte sommitale del vulcano Stromboli, a seguito della quale si sono sviluppati numerosi incendi sull’isola, corroborata da un’enorme nube di fumo e cenere, ha richiesto l’impiego di unità del Sagf per la ricerca e il soccorso di persone, in un’area particolarmente ostile e interessata dagli incendi. Ne scaturiva l’infelice ritrovamento del corpo sprovvisto di vita di un giovane escursionista.

Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
Safg, una stagione tra rischi e altissima professionalità


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer