> Rosario Livatino, il giudice-martire che ha svelato l’anima anticristiana della mafia – Palermo 24h
notizie

Rosario Livatino, il giudice-martire che ha svelato l’anima anticristiana della mafia

Rosario Livatino, il giudice-martire che ha svelato l’anima anticristiana della mafia

La data del 9 maggio richiama una svolta epocale nella storia recente siciliana. Fu in quel giorno del 1993 che Giovanni Paolo II nella Valle dei Templi di Agrigento lanciò il suo monito contro la mafia. Con quell’intervento accorato, a braccio, il Papa polacco riformulò il discorso ecclesiale su Cosa Nostra rompendo antichi silenzi ed evocando nella coscienza collettiva l’inconciliabilità totale fra Chiesa e mafia. Il 9 maggio di 28 anni dopo, sempre ad Agrigento si compie un altro atto che parla al cuore di tutto il popolo cristiano: la beatificazione del giudice Rosario Livatino, ucciso dalla mafia il 21 settembre del 1990. Oggi, come allora, il messaggio è chiaro. Lo afferma Papa Francesco: con la sua testimonianza, Rosario Livatino «ha svelato delle mafie la negazione del Vangelo, a dispetto dell’ostentazione di santini, di statue sacre costrette a inchini irriguardosi, di religiosità sbandierata quanto negata». Certamente, nella valutazione della

Il servizio intitolato: Rosario Livatino, il giudice-martire che ha svelato l’anima anticristiana della mafia è stato inserito il 2021-05-08 17: 01: 19 dal sito online (lasicilia.)

Originale

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo

Show More