Rifiuti a Palermo, Figuccia: “Stop alla discarica di Bellolampo, riconvertire il sito”

Economia green e riconversione della discarica di Bellolampo. È quanto ha sottolineato il deputato dell’Udc all’Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia, Vincenzo Figuccia nel corso dell’incontro, alla presenza dell’assessore Alberto Pierobon, all’assessorato regionale ai Rifiuti

Figuccia ha colto l’occasione per ricordare le lamentele dei residenti dopo decenni di cattiva gestione che hanno determinato cattivi odori ed emissioni inquinanti in un sistema-discarica ormai superato, spiegando che bisogna guardare ai prossimi anni alla diversificazione dell’impianto.

Tanti i temi affrontati in tema rifiuti. Tra le criticità riscontrate c’è quella del bando sul compostaggio di prossimità dei Comuni. È stato ricordato come tra i 95 Comuni che vi hanno partecipato soltanto cinque sono stati ammessi. Ovviamente, con l’esigenza di promuovere la logica degli impianti di compostaggio, “abbiamo chiesto che venissero riaperti i termini per offrire ai sindaci e quindi ai Comuni e ai loro territori, la possibilità di guardare al sistema della raccolta dei rifiuti alla luce di questa nuova prospettiva”.

“Nel frattempo – continua Figuccia – abbiamo verificato la diffida della Regione alla Rap per eliminare le tonnellate di rifiuti che erano abbancati sui piazzali della discarica. Un atto che striglia l’amministrazione Orlando per anni miope e sorda. Auspichiamo – conclude Figuccia – che all’incontro si dia seguito per riaprire i termini del bando e dando così agio ai territori, fissando come assoluta priorità quella di smantellare in poco tempo Bellolampo per renderla green ed ecosostenibile”.