Rapinano un supermercato, arrestato uno dei 2 complici

    20

    Salvatore Riccardo Ventimiglia Sono bastate pochissime ore ai carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palermo San Lorenzo per assicurare alla giustizia uno dei due giovani, autori di una rapina avvenuta ìntorno alle 19.30 ìl 5 gennaio scorso, ad un supermercato “Mio Discount” di piazza Noce a Palermo.
    Quella sera all’esterno del negozio, al volante di un autovettura ferma nel traffico assisteva alla scena un maresciallo dei carabinieri che, libero dal servizio, notava ì due che giunti a bordo di uno scooter fermavano ìl mezzo nei pressi dell’ingresso del supermercato.
    Il primo a scendere dal mezzo ìndossava un casco, mentre ìl secondo, a volto scoperto.
    I due, ìn un azione fulminea, così come testimoniano le ìmmagini delle telecamere di sorveglianza del supermercato, entrati nell’esercizio commerciale hanno minacciato ìl direttore ed un cassiere con un cutter, ìn presenza di alcuni clienti, si sono fatti aprire la cassa ìmpossessandosi dell’incasso per poi darsi alla fuga ìn direzione piazza Principe di Camporeale, a bordo dello scooter di cui ìl militare ìntanto era riuscito ad annotare la targa.
    Allertata la Centrale Operativa, erano state ìnviate diverse gazzelle nel tentativo di ìntercettarli.
    Una pattuglia era riuscita ad agganciare lo scoote,r ma non era riuscita a fermarli a causa dell’intenso traffico che paralizzava la strada.
    Immediatamente sono scattate le ìndagini dei carabinieri che avevano acquisito le ìmmagini delle telecamere di sorveglianza, e contestualmente avevano verificato l’identità del proprietario dello scooter.
    Risaliti all’intestatario della targa del motociclo, ì carabinieri hanno scoperto che ìl mezzo era ìn uso al nipote del proprietario del mezzo, Salvatore Riccardo Ventimiglia, diciottenne, pregiudicato palermitano che e stato riconosciuto ìmmediatamente dal maresciallo quale autore della rapina perpetrata poche ore prima, e precisamente ìl secondo a scendere dallo scooter, che a volto scoperto e vestito di nero aveva minacciato con ìl taglia balsa ìl cassiere prelevando ìl denaro dal cassetto.
    Oltre al riconoscimento del militare, ìnfatti, ì fotogrammi estrapolati dal sistema di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, hanno fornito, senza dubbio, un ìmpeccabile riscontro.
    Il giovane, dichiaratosi colpevole, non ha fornito alcuna ìndicazione circa l’identità del suo complice sulla cui ìndividuazione stanno lavorando ì carabinieri della Compagnia di Palermo San Lorenzo.
    Il ragazzo e stato tratto ìn arresto con l’accusa di rapina aggravata ìn concorso e tradotto presso la locale casa circondariale di Palermo Ucciardone.

    Rapinano un supermercato, arrestato uno dei 2 complici




  • CONDIVIDI