Ragusa, sistemi di sicurezza al Tribunale mai attivati: si devono revisionare

Il presidente del Tribunale di Ragusa, Biagio Insacco, a due anni dal suo insediamento (avvenuto il 4 settembre del 2017) ha dato incarico ad un dipendente, fresco di promozione, di procedere ad una revisione dei sistemi di sicurezza minimi nel Palazzo di giustizia di via Natalelli. Si tratta di sistemi di sicurezza che, malgrado le sollecitazioni dei sindacati dei lavoratori, non sono stati attivati. Basti pensare che – come segnalato l’anno scorso al procuratore generale presso la Corte d’Appello di Catania e al Ministro della Giustizia – il sistema di allarme antincendio al Tribunale di Ragusa è affidato ad un “fischietto” appeso alla parete della stanza di una impiegata.
Le carenze, dunque, esistevano ed esistono, al di là di quelle strutturali che erano state segnalate dal predecessore di Insacco, Giuseppe Tamburini, e dal procuratore del tempo, Carmelo Petralia, nell’ottobre del 2013. Dei problemi di sicurezza nell’immobile di via …
Leggi anche altri post su Ragusa o leggi originale
Ragusa, sistemi di sicurezza al Tribunale mai attivati: si devono revisionare


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer