Ragusa, la denuncia dell’ex sindaco: “Senza crocifissi l’ospedale intitolato a Wojtyla”

«Nel nuovo ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa non ci sono crocifissi. Forse nella fretta del trasloco sono stati lasciati in magazzino. Spero non si tratti di una scelta ideologica». Lo scrive l’ex sindaco di Ragusa, Tonino Solarino, in una lettera aperta al commissario straordinario dell’Asp di Ragusa, Lucio Ficarra.

«Giovanni Paolo II non sarebbe contento – aggiunge l’ex sindaco – di dare il nome a un ospedale senza crocifisso: è stato la ragione e il senso della sua vita. Il crocifisso è il testimone più autorevole del valore della laicità: invita a tenere distinti Dio e Cesare».

Leggi anche altri articoli su Ragusa o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer