Ragusa, in carcere per maltrattamenti all’ex compagna incinta

Si è conclusa con il fermo di polizia giudiziaria di un gambiano di venti anni, con pro-ezione umanitaria, un’operazione lampo condotta dagli uomini dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Ragusa che in brevissimo tempo, in ossequio alla nuova legge denominata “Codice Rosso” hanno individuato e bloccato il responsabile di maltrattamenti aggravati verso della sua ex compagna, incinta al quarto mesi, ai danni della quale ha perpetrato anche una rapina.
L’attività è partita qualche giorno fa quando, in tarda serata una femmina di nazionalità rumene, ha segnalato di aver subito una rapina del suo cellulare e del suo zaino, dopo essere stata strattonata violentemente ad opera di un cittadino extracomunitario, che si era dato alla fuga.
L’attività condotta immediatamente sul posto per raccogliere tutti gli elementi utili non ha permesso di rintracciare nel frangente il responsabile ma gli agenti, sentita la vittima …
Leggi anche altri post su Ragusa o leggi originale
Ragusa, in carcere per maltrattamenti all’ex compagna incinta


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer