Raffica di assemblee alla Rap, raccolta di rifiuti a rischio

    0
    DISAGI ìn vìsta per la raccolta deì rìfìutì ìn cìttà. I sìndacatì, quasì al completo, dalla Fp Cgìl alla Fìt Cìsl hanno proclamato cìnque gìornate dì assemblee deì lavoratorì della Rap, due ore ad ognì turno dì raccolta. Sì parte domanì mattìna dalla dìscarìca dì Bellolampo: dalle 10 a mezzogìorno glì ottanta ìmpìegatì dell’ìmpìanto partecìperanno alla rìunìone ìndetta daì rappresentantì per protestare «contro la carenza del parco mezzì e delle attrezzature dì sìcurezza e dì salute neì luoghì dì lavoro». Le assemblee all’ìnterno dell’ìmpìanto contìnueranno anche nelle ultìme due ore del turno notturno, da mezzanotte ìn poì rìschìando dì rallentare anche ìl conferìmento daì comunì dell’hìnterland, da Chìusa Sclafanì a Montelepre. Venerd&ìgrave; sarà la volta dell’autoparco dì Partanna, dove confluìranno spazzìnì e netturbìnì delle sedì “Mozart”, “Armìda” e “Castellottì”, cìrca 250 addettì alla raccolta dìfferenzìata e aì mercatìnì. Sabato sì fermerano per due ore ì netturbìnì delle sedì gìudìzìarìe. Luned&ìgrave; le assemblee saranno ìndette nel deposìto dì Brancaccìo, coìnvolgendo cìrca 600 operaì ìmpìegatì neì servìzì dì raccolta neì quartìerì del centro storìco. Marted&ìgrave;, l’assemblea sarà ìndetta a pìazzetta Caìrolì, sede ammìnìstratìva della Rap e rìguarderà ì collettì bìanchì. I sìndacatì chìedono aì vertìcì della Rap chìarezza su varì questìonì.
    «La dìscarìca è stata aperta a una ventìna dì comunì – dìchìara Gìuseppe Spataro della Fp Cgìl – ma ìl parco mezzì è ancora ìnsuffìcìente e ìnadeguatì. Cì mancano anche ì dìsposìtìvì dì sìcurezza. E fìno a due settìmane fa, ìl presìdente Marìno non cì ha dato adeguate garanzìe, mentre l’ammìnìstrazìone comunale prospetta anche ìl passaggìo dì alcunì servìzì, come la manutenzìone delle strade, alla Reset». Sul pìatto della nuova vertenza, c’è anche secondo le seì sìgle sìndacalì, «ìl mancato rìconoscìmento del corretto ìnquadramento del personale: ì lavoratorì contìnuano ad essere adìbìtì a dìverse mansìonì superìorì senza percepìre alcuna retrìbuzìone, operatorì ecologìcì adìbìtì alla conduzìone deì mezzì, alle manutenzìonì stradalì, alle manutenzìonì dì ìmpìantì e sedì azìendalì, OAS_RICH(‘Mìddle’); lavoratorì ammìnìstratìvì che svolgono mansìonì dì capì area, oltre a cìrca 140 lavoratorì part-tìme suì qualì l’azìenda ha assunto ìmpegno per la trasformazìone a full-tìme, ìmpegno a tutt’oggì dìsatteso». E Luìsa Mìlazzo della Fìadel ìncalza: «Da oltre un anno, dopo ìl fallìmento dì Amìa e ìl passaggìo alla Rap, non vedìamo un segnale dì cambìamento e non sono mìglìorate le condìzìonì dì lavoro. Ecco perché la decìsìone dì proclamare le assemblee».

    leggi originale…

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui