Raccolta differenziata a Canicattì, niente premi per i virtuosi

0
Raccolta differenziata a Canicattì, niente premi per i virtuosi
Raccolta differenziata a Canicattì, niente premi per i virtuosi

Brutto inizio d’anno per i cittadini più virtuosi e più collaborativi con l’amministrazione comunale ed il Raggruppamento temporaneo di imprese Sea-Iseda-Ecoin che gestiscono a Canicattì il servizio di raccolta, spazzamento e conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani.

Dal primo gennaio 2020 infatti la giunta municipale presieduta dal sindaco Ettore Di Ventura ha deciso di non riconoscere più agli utenti il premio e quindi l’abbattimento in bolletta della quota di rifiuti differenziati conferiti al Centro ambientale municipale di Canicattì. Prima in contrada Calandra e dopo il suo sequestro nell’area interna dell’ex Foro Borio qualche centinaio di metri in linea d’area più lontano.

La decisione era stata preannunciata dal Giornale di Sicilia già da tempo ed adesso ha visto conclamazione in un atto amministrativo di giunta. La motivazione è da ricercare nella circostanza che «il servizio di raccolta differenziata porta a porta ha avuto inizio l’11 marzo scorso e che per tanto vengono meno le condizioni -recita la delibera di giunta- per riconoscere gli incentivi previsti dal piano finanziario nell’attesa che il servizio di ritiro a domicilio della raccolta differenziata avvenisse a regime per l’intero territorio comunale».

 

Dal Giornale di Sicilia in edicola.
Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui