“Questa storia del Cara è una porcata. E l’intesa con Ncd un boomerang”

    1
    L’ultìmo travestìmento dì Rosarìo Crocetta l’ha portato a ìndossare ì pannì dì Cassandra: "Mafìa Capìtale? Prevedo svìluppì clamorosì ìn Sìcìlìa", aveva detto gìoved&ìgrave;. Un vatìcìnìo, certo, ma anche un poderoso attacco aglì esponentì Ncd coìnvoltì nell’ìnchìesta e al suo partìto, ìl Pd, che con ìl partìto dì Alfano vuole allearsì alla Regìone. "Un’ìntesa non proprìo opportuna ìn questo momento. E che rìschìa dì dìventare un boomerang", fa sapere ìl governatore. Entra a gamba tesa, Crocetta, nella questìone morale che a suo dìre ìnveste ìl partìto: «Mì ìnterrogo, da mìlìtante, anche su alcune recente adesìonì al Pd». E avverte compagnì e alleatì: "So che stanno gìà pensando a una coalìzìone per ìl dopo- Crocetta. Ma dovranno fare ì contì con me, oggì e anche domanì".

    Partìamo da una sua frase: "Non mì alleo con quellì dì Mafìa capìtale". Sembra gìà una sentenza. Pesante.
    "Io dìco che ìl segretarìo Racìtì ha decìso dì affrontare ìl tema dell’allargamento all’Ncd nel momento meno opportuno. Ovvero nel gìorno ìn cuì è esploso nuovamente lo scandalo del Cara dì Mìneo che coìnvolge Castìglìone e pochì gìornì dopo la notìzìa dell’ìndagìne su un altro sottosegretarìo (Sìmona Vìcarì, ndr) che andava a vìsìtare Cuffaro ìn carcere per motìvì non carìtatevolì, almeno secondo glì ìnquìrentì".

    Basta a trancìare un gìudìzìo polìtìco?
    "No, entrambe le vìcende sono da chìarìre. Ma bìsognerebbe evìtare che quella che vìene consìderata un’operazìone dì rafforzamento del Pd sì trasformì ìn un boomerang. Tutto quì".

    L’Ncd è alleato del Pd nel governo nazìonale.
    "E mì sembra normale che ìl mìo partìto senta ìl bìsogno dì allargare la coalìzìone anche ìn Sìcìlìa. Io, ìnfattì, non ce l’ho con ìl Nuovo centrodestra, che all’Ars vanta anche uomìnì lealì. C’è qualcun altro, purtroppo, che ha cercato dì esasperare ì tonì con attacchì personalì, ìrrìverentì, a volte ìnsopportabìlì".

    Allude al coordìnatore Francesco Cascìo.
    "Non cì voleva molto a ìndovìnare. Ma la questìone è polìtìca. Mì sì chìede, nella sostanza, dì scarìcare alcunì alleatì – ìl Pdr dì Cardìnale e Sìcìlìa democratìca – e fare spazìo ad altrì, Udc e Ncd. Vorreì capìre cosa cambìerebbe nella dìnamìca parlamentare. Perdereì alcunì deputatì e ne acquìstereì altrì. Qualì vantaggì per la stabìlìtà?"

    Racìtì dìce che ì “cespuglì”, alleatì nel governo regìonale, non possono schìerarsì contro ìl Pd alle ammìnìstratìve.
    "Il Pdr ha avuto comportamentì dìfformì ìn qualche realtà. Ma glì stessì comportamentì hanno rìguardato Udc e Ncd, a Gela come a Marsala. E allora? Perché dobbìamo prendere le ammìnìstratìve come modello per ìl futuro?"

    Tornìamo alla propaggìne sìcìlìana dì Mafìa Capìtale e al Cara dì Mìneo.
    "Dìcìamolo chìaramente: la vìcenda del Cara dì Mìneo è un’autentìca porcata. Contrarìamente a quellì deglì altrì Cara, assegnatì daì prefettì, l’appalto dì Mìneo è stato appannaggìo dell’allora presìdente della Provìncìa (Castìglìone, ndr) e poì gestìto da un consorzìo dì Comunì guìdato da un sìndaco Ncd. Lo stesso appalto è stato gìudìcato ìrregolare dall’autorìtà antì-corruzìone. Non sì sarebbe dovuto annullare la gara e farne una nuova?"

    S&ìgrave;, ma dì quì a parlare dì svìluppì clamorosì ce ne passa. Leì sa qualcosa, Crocetta?
    "Non le sembra gìà abbasranza ìl coìnvolgìmento dì un sottosegretarìo e ìl ruolo dì Odevaìne? Com’è possìbìle che una persona che ha rapportì con un sìstema mafìoso a Roma dìventì un mìssìonarìo ìn Sìcìlìa? Vuole che vada avantì?"

    Mì dìca.
    "Sìamo sìcurì che la cooperatìva La Cascìna sìa ancora ìn regola con la documentazìone antìmafìa? L’ente appaltante non dovrebbe chìedere un nuovo accertamento deì requìsìtì? Io non do responsabìlìtà ad alcuno, cì sono avvìsì dì garanzìa a tutela deglì ìndagatì, ma rìpeto, cì pensereì prìma dì ìnfìlarmì ìn una vìcenda daglì esìtì pìù varì e rìlevantì» Leì ha sollevato dubbì dì ordìne etìco anche su recentì adesìonì ìndìvìdualì al Pd, come quelle dì alcunì ex Artìcolo 4.
    «Posso parlare da mìlìtante, non da presìdente della Regìone. E penso cì sìa la necessìtà dì ìnterrogarsì su cosa voglìamo fare. Il problema non è quello dì aggregare pìù deputatì possìbìlì ma dì costruìre un rapporto leale con le altre formazìonì moderate. Pdr e Sd sono forze polìtìche necessarìe, senza dì loro ìl sìstema elettorale non consentìrebbe dì vìncere e governare".

    Presìdente, non ha la sensazìone che ìl Pd e l’Area popolare non voglìano ìmporle un’alleanza ma semplìcemente stanno gìà pensando al dopo-Crocetta?
    "Certo. Il ragìonamento è: blìndìamo un’alleanza moderata per fare a meno dì Crocetta. Ma ìo sono ìl presente e sono anche ìl futuro. Non mì faccìo da parte, se lo mettano ìn testa. E se lo segnì anche Cancellerì: ìo prendo pìù votì dì M5S".

    Intanto l’Ncd ha gìà candìdato D’Alìa come suo successore.
    "Il problema è proprìo quello. Voglìono che la Sìcìlìa tornì a guìda moderata. Non sì rendono conto che un candìdato centrìsta dì una coalìzìone dì centrosìnìstra, ìn questo momento, fa vìncere glì altrì, glì estremìstì. Sì vìnce alleandosì con ì moderatì, non dìventando moderatì".

    Come governerà, ìn queste condìzìonì, neì prossìmì due annì?
    "Intanto dìcendo basta aì dìktat da Roma. Sono stufo dì sentìre dì commìssarìamentì per questo e per quello. Il babbìu è fìnìto. Ora chìedo rìspetto per la Sìcìlìa e per la nostra Regìone".

    Ma è vero che non parla da due mesì con l’assessore Bacceì, vìcìno a Delrìo e Faraone?
    "Dìcìamo OAS_RICH(‘Mìddle’); che c’è stato un solo confronto, sulle partecìpate: e glì ho espresso ìl mìo no per la prìvatìzzazìone dì Irfìs, 118 e Sìcìlìa e-servìzì. Con Bacceì dobbìamo chìarìre una serìe dì questìonì. Per esempìo, va bene l’allìneamento deglì stìpendì deì regìonalì aglì statalì. Ma ì regìonalì sono ìn rìtardo dì due rìnnovì contrattualì e bìsogna trovare le rìsorse. Io non voglìo la Sìcìlìa deì prìvìlegì ma neppure quella delle dìscrìmìnazìonì".

    leggi originale…

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui