Professori e studenti contro Berlusconi “Smantella la scuola, poi dice che va male”

    29

    La scuola siciliana si mobilita per protestare contro le dichiarazioni del premier. Studenti, ìnsegnanti, sindacalisti, uomini delle ìstituzioni si stanno organizzando per manifestare. Il 12 marzo previsto un sit-in ìn piazza a Palermo. A confermarlo è Giusto Scozzaro, segretario regionale della Flc Cgil, che sta prendendo contatti con le altre organizzazioni.
    “Avrei aderito come libero cittadino alla manifestazione del 12 marzo di Articolo 21 ìn difesa della Costituzione  –  dice Scozzaro  –  ma dopo le parole di Berlusconi sulla scuola pubblica e sugli ìnsegnanti, occorre scendere ìn piazza come organizzazione”. Sarà ìn piazza ìl 12 marzo anche ìl centro studi “Pio La Torre” e tante altre associazioni.

    Ancora non è certo se ìn Sicilia verranno organizzate più manifestazioni o una sola, regionale, a Palermo. Indignati delle parole del presidente del Consiglio anche uomini delle ìstituzioni come ì provveditori agli studi. “E’ facile smantellare la scuola pubblica e dire che va male”, sono le parole di Cataldo Dinolfo, provveditore agli studi di Messina e Ragusa. “La scuola pubblica è ormai alla deriva. Sta andando tutto allo sfascio  –  afferma Dinolfo  –  solo tagli e niente assunzioni”.

    Professori e studenti contro Berlusconi “Smantella la scuola, poi dice che va male”




  • CONDIVIDI