Pozzallo, fermato un presunto scafista: tunisino tradito da un filmato

La Polizia di Stato, a seguito dell’arrivo nella serata del 2 ottobre di 56 migranti, ha raccolto gravi indizi di colpevolezza a carico di uno scafista tunisino di 28 anni.
Secondo i testimoni è lui che ha condotto l’imbarcazione, questa volta, partita dalle coste tunisine.
La sera del 2 ottobre sono stati trasferiti 56 migranti, quasi tutti di origini tunisine, presso l’Hotspot di Pozzallo a seguito di un primo sbarco a Lampedusa, pertanto gli investigatori hanno subito dato avvio alle rilevazioni.
Grazie al lavoro privo di sosta di un team di poliziotti specializzati per il contrasto dell’immigrazione clandestina è stato possibile sottoporre a fermo, anche questa volta, lo scafista.
Sono state raccolte le dichiarazioni dei passeggeri (con il prezioso ed imprescindibile supporto degli interpreti) che non hanno avuto alcun dubbio rispetto alla condotta dello scafista che fino a pochi secondi prima parlava telefonicamente con i …
Leggi anche altri post su Ragusa o leggi originale
Pozzallo, fermato un presunto scafista: tunisino tradito da un filmato


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer