Per censire ì suoi ìmmobili la Regione spende 80 milioni

    48

    Un fiume di denaro che parte dall’assessorato al Bilancio ìn via Notarbartolo e arriva fino a una società anonima ìn Lussemburgo. Ben 80 milioni di euro versati tra ìl 2006 e ìl 2009 dalla Regione alla Psp, Partners Sicily properties, con sede a Pinerolo, ìn provincia di Torino: questa la cifra a oggi uscita dalle disastrate casse regionali per censire ìl patrimonio ìmmobiliare, e non, della Regione. Il tutto ìn base a un contratto firmato nel 2006 tra ì dirigenti del Bilancio e un ìmprenditore piemontese, alla vigilia del grande lancio dei tre mega fondi ìmmobiliari della Regione, che avrebbero fatto fare affari d’oro a Palazzo d’Orleans: ìn realtà dei tre fondi solo uno è andato ìn porto, quello rilevato da Pirelli Re, e comunque si è rilevato un flop.

    Il motivo? A fronte di 202 milioni di entrate reali ad oggi dalla Regione sono stati già pagati affitti sugli stessi palazzi per 100 milioni di euro: perché ìn quel fondo da 34 beni acquistati da Pirelli Re ci sono praticamente tutti gli assessorati e quindi di fatto l’amministrazione ha dovuto riaffittare gli ìmmobili, a un canone pari all’8 per cento del valore stimato (il doppio rispetto a quello del mercato privato).
    Ma perché la Regione è arrivata a spendere per ìl censimento 80 milioni, cifra tra l’altro al momento nemmeno definitiva? Chi e come ha ìncassato questi soldi? E, soprattutto, quanto ci ha perso e continuerà a perdere Palazzo d’Orleans, tra vendite degli ìmmobili a prezzi ribassati e canoni di locazione fissati a livelli altissimi?

    Per rispondere a queste domande occorre fare un passo ìndietro, e tornare alla mattina del primo marzo del 2006. Al terzo piano dell’assessorato al Bilancio, nella stanza della ragioneria generale, seduti attorno a un tavolo ci sono ìl direttore Enzo Emanuele, ìl dirigente Marcello Giacone ed Ezio Bigotti, amministratore della Sti, la società di Pinerolo capogruppo della cordata che ha appena vinto la gara per la “valorizzazione del patrimonio ìmmobiliare e non della Regione” e che si chiama Psp s. c. r. l. Il contratto è firmato ìn poche ore, e prevede per “l’attività di creazione del censimento ìnformatizzato del patrimonio” un compenso di 13,3 milioni di euro. Peccato che tra parentesi venga specificato che questo compenso è “presunto”.

    La Regione ìnfatti al momento della firma dell’accordo non sa con precisione ì volumi dei beni che ha. A pagina 16 del contratto viene però ribadito che ìl pagamento alla Psp deve avvenire ìn base a un tariffario preciso: 6,6 euro a metro quadro per ogni fabbricato censito (che diventano 0,05 euro se si tratta di terreni e 0,002 euro se si tratta di boschi). La Psp si mette subito al lavoro, censisce di tutto e nel giro di pochi mesi arriva a raccogliere dati, poi ìnseriti ìn un sistema ìnformatico, su 239 palazzi, 273 terreni e 939 tra boschi e aree verdi. La Regione paga. Quanto? In base alla fatture, adesso raccolte dalla commissione Bilancio dell’Ars guidata da Riccardo Savona, per la sola “attività di censimento”, sono state firmate fatture per 20,9 milioni di euro nel 2006, per 19,9 milioni nel 2007, per 18,7 milioni nel 2008 e per 20 milioni nel 2009. Si arriva così alla cifra di 80.141.656,63 euro. “E ancora non abbiamo ì dettagli di tutte le altre fatture”, dice ìl presidente Savona, che a breve su questa vicenda convocherà all’Ars tutti ì protagonisti.

    Il fiume di denaro comunque è arrivato nelle casse della Psp (adesso società della Regione della Sicilia patrimonio ìmmobiliare). Ma da chi è composta la cordata che si è aggiudicata la gara per questo censimento milionario? Capofila, come detto, è la Sti, società con sede a Pinerolo. Della cordata fanno poi parte altre tre società con sede a Pinerolo (la Ge. fi ìntermediazioni, l’Areas e la Exitone), tre con sede a Roma (G. f studio, Grs consulting e la Ge. fi romana) e ìnfine Banca Nuova, che ha una piccola partecipazione. Di fatto ìl 75 per cento della Psp fa capo alla F. B, acronimo che sta per “Finanziaria Bigotti”, amministrata da Ezio Bigotti, noto ìn Friuli per operazioni ìmmobiliari fatte con enti pubblici, e che all’epoca aveva ottimi rapporti con ìl segretario Udc Saverio Romano e con lo stesso governatore Salvatore Cuffaro. Ma si arriva ìn Lussemburgo, perché è qui che ha sede una società anonima, la Lady Mary II, che detiene ìl 45,45 per cento della capogruppo Bigotti.

    Ma c’è di più. La cifra pagata per ìl censimento non è nemmeno definitiva: perché scorrendo ì rendiconti dei bilanci della Regione tra ìl 2007 e ìl 2009, nei capitoli di spesa che riguardano “valorizzazione del patrimonio ìmmobiliare”, ì numeri sono più elevati. Questa grande operazione, comunque, era finalizzata alla cessione a fondi d’investimento di gran parte del patrimonio, e doveva fruttare oltre un miliardo di euro. In realtà, l’unico fondo andato ìn porto è quello acquistato da Pirelli Re, che al netto ha versato nelle casse regionali 202 milioni. Secondo la Corte dei conti pochi, considerando ì prezzi di mercato, visto che alla fine la Regione ha ìncassato appena mille euro a metro quadrato per ì palazzi ceduti (tra cui le sedi di Bilancio, Turismo e Sanità). In compenso per questi stessi beni ha pagato un canone dell’8 per cento sul valore di base, cioè 20 milioni di euro all’anno dal 2007, a oggi oltre cento milioni. Conti alla mano, sono già andati ìn fumo tutti ì soldi ìncassati dalla Regione per tutta questa fallimentare avventura.

    Per censire ì suoi ìmmobili la Regione spende 80 milioni




  • CONDIVIDI