notizie

Palermo, tra i “furbetti” del reddito di cittadinanza (RDC) ristoratori e scommettitori on line

Palermo, tra i “furbetti” del reddito di cittadinanza (RDC) ristoratori e scommettitori on line

Tra i 74 furbetti del reddito di cittadinanza (RDC) scovati dai finanzieri del 2° Nucleo Operativo Metropolitano del Gruppo Palermo, in collaborazione con funzionari dell’Inps, c’erano pure cinque persone che avevano aperto un match Iva. C’era chi aveva un’internet point e un posto di telefono pubblico, un altro che si occupava di ristorazione, uno che si occupava di coltivazione di cereali, e un altro ancora che aveva la licenza di commercio ambulante. I finanzieri del Gruppo di Palermo, diretti dal colonnello Alessandro Coscarelli li hanno scoperti incrociando i dati con quelli dell’Inps. «C’è chi non ha dichiarato le vincite al gioco – dice il colonnello Coscarelli – malgrado per giocare sia necessario aprire un conto corrente virtuale ovviamente con tanto di codice fiscale. Basta fare un controllo incrociato per scoprire chi non aveva diritto al sussidio». In un caso è stato ancora più semplice. E’ bastato incrociare i dati dell’Inail con quelli

Il servizio intitolato: Palermo, tra i “furbetti” del reddito di cittadinanza (RDC) ristoratori e scommettitori on line è stato inserito il 2021-03-16 11: 25: 07 dal sito online (lasicilia.)

Approfondisci

Cerca da altre fonti:
Google

Yahoo

Related Articles