Nuova perizia per la mamma di Gela che strangolò le due sue bambine

Sono trascorsi quasi due anni dalla tragedia di Gela. Era il 27 dicembre quando Giusy Savatta, insegnante di sostegno, uccise le sue due bambine, Maria Sofia di 9 anni e Gaia di 7.

Le strangolò e poi andò in bagno, ingerì qualche goccia di candeggina e con il tubo della doccia tentò di ammazzarsi. Il padre delle due piccole, tornò a casa all’ora di pranzo e trovò a terra, senza vita, le figlie, ancora in pigiama. Fu lui a tirare fuori dalla vasca da bagno la moglie e a chiamare i carabinieri che portarono la donna in ambulanza nel reparto di psichiatria dell’ospedale di Gela.

Leggi anche altri articoli su Caltanissetta o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer