‘Non rivelò segreti d’ufficio’, assolta l’ex aggiunto di Palermo Principato

La corte d’appello di Caltanissetta, ribaltando la sentenza di primo grado ha assolto Teresa Principato, ex procuratore aggiunto di Palermo, dall’accusa di rivelazione di segreto d’ufficio. In primo grado era stata condannata a 40 giorni di carcere. La notizia è riportata dal quotidiano online Livesicilia. L’inchiesta da cui nasce il procedimento ha portato a due diversi processi: nel primo erano stati coinvolti l’attuale procuratore generale di Firenze Marcello Viola, assolto con sentenza ormai definitiva, e Carlo Pulici, per anni assistente della Principato, anche lui assolto. Nel secondo processo, invece, erano stati imputati, sempre Pulici, e la Principato. Nell’inchiesta principale Pulici era stato indagato per violazione di segreto d’ufficio perché aveva consegnato a Viola, allora procuratore di Trapani, una pendrive con gli interrogatori di un pentito che faceva dichiarazioni sul boss latitante Matteo Messina Denaro. Le rilevazioni per la cattura del latitante sono state per …
Leggi anche altri post su Caltanissetta o leggi originale
‘Non rivelò segreti d’ufficio’, assolta l’ex aggiunto di Palermo Principato


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer