“Nessuna truffa: solo scossoni che sono stati creati ad arte”


CATANIA. La replica di Agata Arena al presunto incasso illecito del reddito di cittadinanza.
“È vero ho fatto richiesta di reddito di cittadinanza e mi è stato concesso – dichiara la Arena – precisamente a luglio di quest’anno. Poi mi è stato revocato, scopro oggi, dalle pagine dei giornali che avrei truffato lo stato. E per cosa? Non esiste nessun contratto con la Sea Music, i concerti sono tutti a titolo gratuito e tutte le attività promozionali sono pagate in prima persona dal mio amico, non manager, ma amico Maurizio Russo”.
Il reddito di cittadinanza percepito dalla Arena riguarderebbe i mesi di luglio e agosto di quest’anno. “La casa indicata come di mia proprietà a Belpasso, casa popolare, è intestata a mio padre come recita l’atto conforme – continua Agata Arena -. Il minimarket in discussione aveva tutti …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
“Nessuna truffa: solo scossoni che sono stati creati ad arte”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer