Naro, zii del disabile tenuto legato chiedono «perdono». Davanti alla giudice si sono detti «dispiaciuti e scossi»

Hanno ammesso i fatti e chiesto «perdono» gli zii del 32enne disabile psichico di Naro (in provincia di Agrigento). Marito e compagna – V.A. 53enne e V.A. 52enne – lo hanno tenuto incatenato al letto. Ieri sono stati arrestati dai militari dell’arma e portati in carcere perché accusati di maltrattamenti in famiglia e sequestro di persona

Oggi davanti alla giudice per le rilevazioni preliminari del tribunale di Agrigento, Luisa Turco, la femmina ha risposto alle domande dell’interrogatorio mentre il coniuge ha scelto di rilasciare solo dichiarazioni spontanee. Entrambi, rappresentati dall’avvocata Alba Raguccia, si sono detti «dispiaciuti e scossi» e hanno provato a giustificarsi spiegando che, nei mesi …
Leggi originale
Naro, zii del disabile tenuto legato chiedono «perdono». Davanti alla giudice si sono detti «dispiaciuti e scossi»


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer