Movida agrigentina, si corre ai ripari


Come deciso dal questore di Agrigento, Rosa Maria Iraci, sarà ulteriormente intensificata l’attività di controllo ad Agrigento (ed anche in tutta la provincia) al fine di assicurare ordine, sicurezza e soprattutto rispetto dalle parti dei luoghi della “movida”, intorno ai quali, si realizza una forte aggregazione di giovani, e dove di recente si sono verificati episodi di violenza che hanno coinvolto giovani, che avevano consumato alcolici.

Ad occuparsi di tale contesto la Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, diretta dal Primo dirigente Angelo Bellomo, che ha tenuto una conferenza stampa, per fare un bilancio delle recenti attività, dove sono stati adottati diversi provvedimenti, che hanno riguardato il settore degli esercizi pubblici e quello del gioco e delle scommesse.

Quattro sono gli esercizi pubblici della “movida” e le discoteche sottoposti a controllo, due dei quali sono stati sanzionati. Ad uno dei locali, in via Atenea, è stata disposta la sospensione per somministrazione di alimenti e bevande.
Nel settore del gioco d’azzardo e delle scommesse, sono dodici le persone controllate. Una sala giochi è stata chiusa perché trovata priva di licenza di polizia.