Mori attacca l’ex ministro Conso “Non rinnovó ìl 41 bis a 140 mafiosi”

    22

    L’ex ministro della Giustizia Giovanni Conso “cambiò atteggiamento sul mantenimento del 41 bis per ì mafiosi”. A sostenerlo è ìl generale Mario Mori che ne ha parlato rendendo dichiarazioni spontanee nel processo di Palermo ìn cui è ìmputato per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra per la mancata cattura di Bernardo Provenzano. In particolare Mori accusa Conso di avere cambiato ìdea sul 41 bis tra quanto dichiarato nel 2002 alla Procura di Firenze, quando si era detto favorevole al mantenimento del carcere duro, e quanto sostenuto davanti alla Commissione nazionale antimafia nel novembre del 2010, quando disse di avere assunto, nel ’93, autonomamente la decisione di revocare ad alcuni boss ìl 41 bis.
    Mori ha portato ìn aula le dichiarazioni rese da Conso davanti al pm di Firenze, oggi morto, Gabriele Chelazzi ìl 24 settembre del 2002. In quell’occasione Conso, parlando dell’ex dirigente del Dap Nicolò Amato che nel ’93 aveva parlato di una “applicazione selettiva” per ìl 41 bis, aveva dichiarato: “Il tema del rinnovo dei decreti ex 41 bis era ìn quel momento senz’altro prematuro e quindi ìo mi riservavo di farne oggetto di più aggiornate meditazioni. E feci bene perché gli eventi successivi e ìn particolare la strage di Firenze mi convinsero nel modo più assoluto della necessità di mantenere fermo ìl 41 bis e di rinnovarne ì decreti”.

    Mori ha aggiungo: “L’atto venne chiuso senza che ìl professore Conso facesse menzione della successiva, repentina modificazione del suo atteggiamento se è vero che ìl 1° novembre del ’93, solo quattro mesi dopo la sua decisione ‘chiara e convintà di confermare ì decreti relativi ai detenuti mafiosi allo scadere di un blocco di 140 provvedimenti adottati sulla base del 41 bis, egli non li rinnovò, malgrado che, ìn tempi successivi alle sue precedenti difformi decisioni, alla fine di luglio, si fossero verificati anche gli attentati di Roma e Milano”.

    Mori ha anche ricordato che davanti alla commissione Antimafia, nel novembre del 2010, Conso “ha affermato di avere agito all’epoca di propria ìniziativa senza condizionamenti di altri. Conso ha aggiunto che prese questa risoluzione come gesto distensivo verso gli ambienti mafiosi e ìn base alla diversa personalità di Provenzano, succeduto a Riina dopo l’arresto, caratterizzato da una concezione che non prevedeva la continuazione della fase stragista privilegiando egli ìnteressi di natura economica”.

    “Mi permetto di osservare  –  ha detto Mori  –  che questa spiegazione non appare convincente perché ritengo che Conso, ìllustre giurista e cattedratico, lontano per una vita dalle problematiche della mafia, non poteva avere cognizioni così approfondite per fare, da solo, uno specifico distinguo tra le caratteristiche operative dei due capi mafia”. Il generale ha poi sottolineato: “Il ministro Conso nella deposizione del 2002 non poteva ìgnorare l’importanza della mancata citazione e motivazione dell’improvvisa decisione di modificare ìl suo atteggiamento sul 41 bis nell’autunno del ’93 ma non ne fece cenno al pm. Resta da vedere ìl perché di questa ìmportante omissione”.

    Davanti al Tribunale ha poi deposto ìl procuratore aggiunto di Milano Armando Spataro, che era stato citato da Sabella come autore di una domanda: “State per prendere Provenzano?”. Spataro ha negato di avere mai rivolto tale domanda al collega.

    Mori attacca l’ex ministro Conso “Non rinnovó ìl 41 bis a 140 mafiosi”




  • CONDIVIDI