Migranti, rintracciati 125 dei 184 fuggiti dal Cara di Caltanissetta. Musumeci: “La Sicilia non sia trattata come una colonia”


Migranti, rintracciati 125 dei 184 fuggiti dal Cara di Caltanissetta. Musumeci: “La Sicilia non sia trattata come una colonia” 

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Sono stati rintracciati dalla polizia 125 dei 184 migranti fuggiti dal Centro d’accoglienza di Pian del Lago, in provincia di Caltanissetta, che in tutto ospita 350 persone. Sono stati tutti messi in quarantena. Quelli fuggiti ieri sera intorno alle 18, scappando anche scalzi fra le campagne, fanno parte del gruppo di profughi trasferiti nel centro nisseno per il periodo di isolamento obbligatorio, ma nessuno di loro è positivo al tampone, come ha fatto sapere ieri il sindaco Roberto Gambino.

Sul caso interviene anche il presidente della Regione, Nello Musumeci, che in un post su Facebook ha scritto: i migranti “scappati a Caltanissetta si aggiungono ai tunisini scappati a Pantelleria e a quelli evasi dall’hotspot di Pozzallo, i quali, a loro volta, si sommano a tutti gli altri. Nessuno dica che è responsabilità delle forze dell’ordine: fanno tutto quello che possono e siamo loro grati. È semplicemente sbagliato che si faccia finta di nulla da parte del governo di Roma e che si dica che ‘tutto va bene’. Pretendo rispetto per la Sicilia – ha aggiunto il governatore – , non può essere trattata come una colonia. Abbiamo dato disponibilità e chiediamo reciprocità, ma vediamo che nella gestione del fenomeno migratorio c’è troppa improvvisazione e…