notizie

Messina Denaro, l’avvocato e quelle parentele pericolose

#Palermo

Nel corso del maxi processo alla magia “Omega”, un giorno, per posta, la Corte di Assise ricevette la lettera dell’imputato latitante, Matteo Messina Denaro. Tramite il sistema postale, per lui cosa insolita, gia all’epoca abituato ai pizzini, comunicava ai giudici che da quel momento revocava la nomina del proprio difensore di fiducia, all’epoca l’avvocato castelvetranese Celestino Cardinale, non facendo nessun’altra nomina. Da allora sino all’ultimo processo in corso a Caltanissetta, procedimento di ricorso per le stragi del 1992, Matteo Messina Denaro e stato difeso da difensori nominati d’ufficio dai vari Tribunali e Corti di assise che l’hanno avuto come imputato.


PAGN2975

Livesicilia Palermo

Show More

Articoli simili