Notizie

Marsala, la Lega e la destra lilibetana in subbuglio

 La destra quella rappresentata dalla Lega a livello nazionale, di Matteo Salvini che crede ciecamente nel suo nuovo messia, che non aveva mai raggiunto il consenso elettorale di cui gode allo stato attuale nel belpaese, rivendica per Marsala 2020 la sua identità e i suoi valori.

Che sono, sovranismo, avversaria dell’immigrazione e della globalizzazione , della serie mutuando il marchese Onofrio del Grillo di Alberto (sereni non Di Girolamo) Sordi “mi dispiace ma io so’ io e voi non siete un cazzo!!! “. Per precisione la Lega marsalese afferma chiaramente chi sono gli altri, oltretutto Massimo Grillo candidato primo cittadino e la sua coalizione di centro destra. Trasformisti, scrutando tra candidati consiglieri, papabili assessori e padrini, non si può replicare diversamente. Sturiano ex Ds ora Forza Italia, lo aveva preceduto il consigliere uscente Cordaro del PD. Vinci già vicesindaco e capogruppo consiliare PD .

Galfano socialista adesso di destra e Gandolfo già consigliere del PD. Quella elencata dovrebbe essere la sinistra con cui si è accordato Grillo. Il carroccio ha continuato con lo slogan dei finti buonisti che ha provocato l”invasione d’ immigrati con danni economici e arricchendo note realtà con l’accoglienza, invitando fratelli d’italia a lasciare l’alleanza.

 » 

Show More