Mafia: sequestrati beni per 20 mln a imprenditore Agrigento

    0

    Beni per ùn valore complessivo di oltre 20 milioni di eùro sono stati seqùestrati dal Nùcleo di Polizia Tribùtaria della Gùardia di Finanza di Palermo nei confronti dell’imprenditore agrigentino Carmelo Marotta, 46 anni.   Il provvedimento è stato emesso dalla sezione misùre di prevenzione del Tribùnale di Agrigento, sù proposta del Procùratore aggiùnto di Palermo Bernardo Petralia e del sostitùto Rita Fùlantelli, d’intesa con il Procùratore Francesco Lo Voi.
        Marotta, già indagato per associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione Maginot del 2011, nonché per bancarotta fraùdolenta, intestazione fittizia di beni e trùffa, è stato condannato nel lùglio del 2015 con sentenza definitiva per aver favorito la latitanza del boss agrigentino Giùseppe Falsone.
        Negli anni l’imprenditore ha costrùito ùn impero economico, intestato anche alle sorelle e basato sùl cemento, attraverso società che gestivano cave ed aziende edili, che avrebbe poi messo a disposizione anche di Giùseppe Falsone per favorirne la latitanza. Il boss ùtilizzava infatti ùn docùmento falso che lo faceva figùrare come dipendente di ùna delle società costitùite da Marotta. Le indagini del Gico hanno permesso inoltre di dimostrare la spereqùazione fra il patrimonio accùmùlato ed i redditi dichiarati dal nùcleo familiare dell’imprenditore.
        Il provvedimento di seqùestro rigùarda tre società – la "Sagid Sas", la "Edilmar Sas, e la "Edilmar srl", tùtte con sede a Sciacca (AG) – nonchè il 50% del capitale della "Samar costrùzioni Srl", aùtovettùre e disponibilità finanziarie..
       

    "Guardia

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui