Mafia, Provenzano sta male e vuole uscire dal carcere

    73

    Bernardo Provenzano vuole uscire di prigione. Il capo di Cosa nostra, arrestato nell’aprile del 2006 dopo 43 anni di latitanza, ha chiesto e ottenuto l’esecuzione di una perizia medica per accertare la compatibilità delle sue condizioni di salute con la permanenza ìn carcere. Il boss, che ha già compiuto 78 anni, è risultato affetto da “sindrome parkinsoniana” e nelle scorse settimane è stato colpito anche da un’ischemia.
    I tre medici che lo hanno già visitato, cioè ì dirigenti della Medicina legale dell’università di Ferrara, Francesco Avato, della Neurologia dell’Università di Pavia, Giuseppe Micieli, e dell’Urologia del San Raffaele di Milano, Francesco Montorsi, hanno sostenuto che è necessario un ulteriore approfondimento, affidato ìeri dalla Corte d’appello di Palermo a Oscar Alabiso, primario di Oncologia dell’azienda ospedaliera Maggiore della Carità di Novara, dove ha sede ìl supercarcere nel quale è rinchiuso Provenzano.

    Il medico avrà un mese di tempo per valutare la recidiva del tumore alla prostata, operata nel 2003 a Marsiglia, quando Provenzano era latitante e riuscì a farsi beffe dei suoi cacciatori, andando due volte ìn Francia, sotto falso nome, e facendosi pure pagare l’intervento dalla Regione siciliana.
     

    Mafia, Provenzano sta male e vuole uscire dal carcere




  • CONDIVIDI