Mafia, inchiesta ‘passepartout’, fermi convalidati dal gip di Palermo

I fratelli gemelli Paolo e Luigi Ciaccio di Sciacca (Ag) si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Il negoziante Massimiliano Mandracchia, 46 anni, si è invece difeso ed ha spiegato di avere messo a disposizione del boss Accursio Dimino il proprio cellulare “solo per consentirgli, visto che lui non aveva whatsapp, di comunicare con il cugino in America per prendere contatti finalizzati a un trasferimento per ragioni lavorative”. Si sono conclusi nel pomeriggio, nel carcere palermitano di Pagliarelli, davanti al gip Alberto Davico, gli interrogatori di convalida dei fermi dell’operazione “Passepartout”. Erano stati già sentiti i principali arrestati: Antonello Nicosa e il boss Accursio Dimino, fermati per associazione mafiosa. I Ciaccio e Mandracchia sono accusati di favoreggiamento aggravato. I Ciaccio avrebbero aiutato sia Dimino che l’assistente parlamentare Antonello Nicosia “ad eludere le investigazioni”. I due fratelli sono difesi dagli avvocati Paolo Imbornone e Salvino Barbera. Mandracchia è assistito dagli …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Mafia, inchiesta ‘passepartout’, fermi convalidati dal gip di Palermo


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer