Mafia, “il collegamento non va” Udienza a rischio per 62 imputati


PALERMO – “Il collegamento va e viene”, dice l’imputato Salvatore Pispicia in video conferenza dal carcere di Voghera. Pispicia è cugino di Gregorio Di Giovanni, capo mandamento di Porta Nuova, di cui sarebbe stato il “portavoce”.

Stessa protesta arriva da altri imputati del processo nato dal blitz contro la nuova cupola di Cosa Nostra. Il dibattimento è giunto alla fase dell’udienza preliminare per decidere chi sarà rinviato a giudizio o prosciolto.

Il legale di Pispicia, l’avvocato Michele Rubino, solleva un’eccezione. Chiede che venga dichiarata la nullità dell’attività dell’udienza che si è svolta nell’aura bunker del carcere Pagliarelli. Ci sono stati delle pause durante i collegamenti.

Il gup Rosario Di Gioa inizialmente la respinge. Quando scopre che il problema …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
Mafia, “il collegamento non va” Udienza a rischio per 62 imputati


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer