“Lui non doveva essere lì…” Il dolore di una compagna a Barcellona


BARCELLONA POZZO DI GOTTO (MESSINA) – “I miei figli ancora non sanno nulla, uno fa il compleanno tra pochi giorni e non so come dirglielo. E’ uno strazio. Lui vorrei che fosse ricordato col sorriso e con la forza di volontà che aveva sempre. Io so che non doveva essere lì, ma in un altro posto. Forse l’hanno chiamato, un’emergenza, non lo so…”. Così Giada, la compagna di Giovanni Testaverde, una delle cinque vittime nell’esplosione della fabbrica di fuochi d’artificio nelle campagne di Barcellona Pozzo di Gotto, nel Messinese.

“L’ho accompagnato nella sede della ditta per cui lavorava – ricostruisce la vedova – e mi ha detto ‘ci vediamo questa sera’. Sul letto ho ancora i suoi vestiti per la cena a cui saremmo dovuti andare quella sera, al suo rientro. Quando ho sentito il …
Leggi anche altri post su Messina o leggi originale
“Lui non doveva essere lì…” Il dolore di una compagna a Barcellona


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer