Lui, lei e il processo “Voglio i miei mobili”


PALERMO – Capita che le relazioni non funzionino e ci si lasci prima di fare il grande passo della convivenza. Che lei finisca sotto processo per appropriazione indebita, invece, è un caso più unico raro, specie se è imputata per essersi appropriata dei mobili che lui aveva comprato per la casa in cui progettavano di vivere insieme.

La parte offesa, A.S., è venuto in aula davanti al giudice Nicola Aiello per ricostruire la disavventura di cui sarebbe rimasto vittima. Due anni fa la sua ex fidanzata, C.C., sono le sue iniziali, cambiò la serratura del portone di acceso all’abitazione che si trova non lontano da corso Calatafimi.

“Dentro ci sono i mobili che ho comprato con i miei soldi”, dice l’uomo. Che li elenca: camera …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
Lui, lei e il processo “Voglio i miei mobili”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer