“Licenziato ingiustamente” Dipendente Reset reintegrato


PALERMO – Massimo D’Asta dipendente della Reset, società consortile del settore rifiuti del comune di Palermo era stato licenziato, perché aveva presentato un esposto alla Corte dei conti sull’attività dell’azienda e sull’affidamento di alcuni incarichi, oggetto anche di servizi televisivi su reti nazionali, ed era stato ascoltato dalla commissione Aziende del consiglio comunale.

Adesso il giudice del lavoro del tribunale di Palermo Donatella Draetta ha annullato il licenziamento e ordinato la reintegrazione con il pagamento degli stipendi e dei contributi. D’Asta era difeso dagli avvocati Antonio e Francesco Paola Garofalo.

Nella lettera di risoluzione del rapporto di lavoro, la società aveva scritto che il …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
“Licenziato ingiustamente” Dipendente Reset reintegrato


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer