L’ex Provincia sollecita 8 Comuni a pagare il contributo alla Stazione Unica Appaltante

Il Libero Consorzio Comunale di Agrigento batte cassa e “bussa” ai  Comuni morosi che non hanno,ancora, rimborsato la tariffa di contribuzione per l’espletamento di alcune  gare d’appalto celebrate dalla Stazione Unica Appaltante gestita dall’ex Provincia. 

Si tratta di otto Comuni della zona di Agrigento che devono, ancora,  rimborsare all’ex Provincia complessivamente 58 mila euro per oneri derivanti da spese di pubblicazione e varie.   

Prima dell’entrata in vigore del cosiddetto decreto “sblocca cantieri”, infatti, i Comuni non capoluogo di provincia avevano facoltà di procedere all’acquisizione dei lavori, beni e servizi nell’ambito di unioni di comuni, ove esistenti, o, in alternativa, costituendo un apposito accordo consortile tra gli stessi comuni, avvalendosi dei competenti uffici delle ex Province. 

Con il suddetto decreto è stata stabilita la sospensione fino al 31 dicembre 2020 di alcune norme del Codice degli appalti. 

Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
L’ex Provincia sollecita 8 Comuni a pagare il contributo alla Stazione Unica Appaltante


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer