L’Etna, i terremoti e «la passione che ripaga tutto». Parla Stefano Branca, neodirettore Ingv a Catania

Vent’anni e più di vita nella ricerca, dalle cime dei vulcani del Mediterraneo agli uffici pieni zeppi di monitor, calcoli da fare e fenomeni da studiare. Chi lo conosce lo definisce come una persona che è tutt’uno con il suo lavoro, sull’onda della genuina passione su cui può contare solo chi crede in quello che fa. La carriera di Stefano Branca, 50 anni, vulcanologo e ricercatore dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, da qualche giorno ha compiuto un salto che in molti pronosticavano. Direttore dell’Osservatorio etneo, la sede catanese dell’Ingv, raccogliendo l’eredità dell’uscente Eugenio Privitera. Prima il voto di oltre il 70 per cento dei suoi colleghi. …
Leggi anche altri post su catania o leggi originale
L’Etna, i terremoti e «la passione che ripaga tutto». Parla Stefano Branca, neodirettore Ingv a Catania


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer