Lampedusa, riprese le ricerche dei migranti con un robot subacqueo

A oltre 48 ore dal naufragio avvenuto a sei miglia da Lampedusa la notte tra domenica 6 e lunedì 7 ottobre, riprendono le ricerche in mare dei dispersi, almeno una quindicina di persone, che erano sul barcone. Una motovedetta della Guardia Costiera è salpata poco fa dal molo dell’isola con a bordo i sub e principalmente un Rov, uno speciale robot subacqueo che effettuerà una prima ispezione dell’area in cui è avvenuto il naufragio, inviando le immagini ai tecnici a bordo della motovedetta. “L’obiettivo – spiega il responsabile del nucleo sommozzatori del comando generale della Guardia Costiera, Rodolfo Raiteri – è quello di ispezionare il fondale per individuare il punto esatto in cui è affondato il barcone, in modo da circoscrivere l’area d’intervento”. La ripresa delle operazioni a mare è stata possibile poiché si è aperta una finestra meteo favorevole, dopo due giorni di mare grosso e vento molto forte. Ma già nel …
Leggi anche altri post su Agrigento o leggi originale
Lampedusa, riprese le ricerche dei migranti con un robot subacqueo


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer