La storia in classe si impara con gli oggetti dei nonni. Dalla lettera del ’23 al passaporto per i primi emigrati.

Un museo tutto loro, realizzato con oggetti che ciascun alunno custodiva in casa. Oggetti appartenuti a bisnonni e trisavoli che hanno voluto condividere con il resto dei compagni di classe dando vita a uno spazio museale all’interno delle aule dove ogni giorno seguono le lezioni. Ecco cosa c’è dietro l’iniziativa Il Nostro Museo in Classe. Un’idea della maestra Letizia Noto e portata avanti dagli alunni della terza C e della terza D della scuola elementare Pascoli–Crispi di Messina

«Mentre spiegavo loro le fonti, ho compreso che i bambini avevamo voglia di farmi vedere alcuni degli oggetti che custodivano a casa – spiega la maestra – e così li ho coinvolti in questa ricerca. Il risultato è andato oltre ogni aspettativa». Un modo diverso di insegnare che ha coinvolto i piccoli alunni nella ricerca di …
Leggi originale
La storia in classe si impara con gli oggetti dei nonni. Dalla lettera del ’23 al passaporto per i primi emigrati.


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer