La scomparsa di Santo Alario “Quei resti a Caccamo sono i suoi”


PALERMO – I militari dell’arma dei Ris hanno confermato che i resti, ritrovati a giugno in contrada Gurgo, nelle campagne di Caccamo (Pa), apparterrebbero a Santo Alario, l’uomo di 42 anni scomparso da Capaci il 7 febbraio dell’anno scorso e che, secondo la Procura di Termini Imerese, sarebbe stato ucciso da Giovanni Guzzardo che, tuttavia, da questa accusa è stato assolto a luglio. L’assoluzione era arrivata perché non era stato trovato il cadavere e l’arma. Adesso come scrive il Giornale di Sicilia anche le ossa e gli indumenti ritrovati vengono ritenuti compatibili dagli inquirenti con quelli della vittima.

Alla luce di questi nuovi elementi la procura di Termini Imerese ha deciso di appellare la sentenza di primo grado. Il Dna delle ossa scoperte a Caccamo è stato comparato con …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
La scomparsa di Santo Alario “Quei resti a Caccamo sono i suoi”


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer