La morte del poliziotto e il torrente privo di manutenzione. Nel Siracusano i progetti finanziati ma rimasti su carta.

Giuseppe Cappello lo hanno ritrovato privo di vita in un terreno a poche centinaia di metri dalla sua auto, ferma a bordo della statale 115, tra Noto e Rosolini. Venerdì notte, vedendosi in pericolo, l’agente di polizia penitenziaria è sceso dalla macchina, ma nel campo vicino anziché un rifugio ha trovato solo più fango e non ha avuto scampo. 

La sua Dacia Sandero è stata ritrovata al chilometro 364 della statale, in contrada Stafenna. «In questo tratto di strada – narra un imprenditore che ha un’azienda a 500 metri di distanza dal luogo dove è deceduto Cappello – ci sono quattro sottopassi e puntualmente si otturano, perché qui manutenzione a mia memoria non ne è stata fatta mai.
Leggi originale
La morte del poliziotto e il torrente privo di manutenzione. Nel Siracusano i progetti finanziati ma rimasti su carta.


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer