La mafia del nuovo “papa” Tre condanne a Monreale


PALERMO – Sotto processo c’erano i presunti mafiosi di Monreale che provarono a lasciarsi alle spalle i contrasti degli ultimi anni. A serrare i ranghi sarebbe stato Sergio Damiani. Che tutti chiamavano il “papa”. Si sarebbe ripreso il potere dopo un periodo di assenza forzata in carcere. È stato condannato a cinque anni in continuazione con una precedente pena. La sentenza è del giudice per l’udienza preliminare Fabrizio Molinari. Su richiesta dei pm Federica La Chioma, Amelia Luise e Dario Scaletta sono stati pure condannati Salvatore Lupo (6 anni) e Antonino Sciortino (10 anni).

Dalle rilevazioni dei militari dell’arma del Gruppo di Monreale a partire dal 2013 era venuta fuori una stagione di fibrillazioni. L’insospettabile fisioterapista Giovan Battista Ciulla veniva incolpato di avere rubato i soldi della cassa del mandamento …
Leggi anche altri post su Palermo o su Catania o leggi originale
La mafia del nuovo “papa” Tre condanne a Monreale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer