La Dia di Messina sequestra società a noto imprenditore in odor di mafia

98
La Dia di Messina sequestra società a noto imprenditore in odor di mafia
La Dia di Messina sequestra società a noto imprenditore in odor di mafia

MESSINA – La Dia di Messina a conclusione di un’attività investigativa culminata nella proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale, in piena sinergia con la Direzione Distrettuale Antimafia di Messina, sta procedendo, in esecuzione di provvedimento emesso dal locale Tribunale Misure di Prevenzione, al sequestro di contesto societario nella disponibilità dell’imprenditore Nunzio Ruggeri. Il noto imprenditore di Naso (Messina) opera nel settore della macellazione e commercializzazione del pellame ed è già stato condannato per usura nell’anno 2005. Lo stesso era già stato destinatario di altra misura ablativa che gli aveva sottratto tutto il suo patrimonio, comprensivo di vari apparati societari, per un ammontare complessivo pari ad Euro 9.500.000.

Secondo le indagini della Dia, Ruggieri è un soggetto storicamente legato ai sodalizi mafiosi nebroidei per la sua vicinanza ad elementi di spicco della criminalità organizzata “tortoriciana” come Santo Lenzo, Cesare Bontempo Scavo e Carlemo Armenio.

La sua caratura criminale, secondo gli investigatori, è riferibile anche alla sua attività di usuraio, rilevata con sentenza di condanna della Corte di Appello di Messina del 2005, divenuta irrevocabile nel 2009.