La confisca Ciancio, accusa e difesa non replicano. Attesa per la decisione sul patrimonio dell’editore

Nessuna replica. Si chiude così, privo di colpi di scena, l’ultima udienza del processo d’Appello sulla confisca dei beni di Mario Ciancio Sanfilippo. Ultimo atto di un lungo iter cominciato un anno fa, quando il tribunale misure di prevenzione, accogliendo le richieste della procura di Catania, decise di togliere all’editore ed ex direttore del quotidiano La Sicilia beni per un valore non inferiore a 150 milioni di euro. Nel decreto di sequestro e relativa confisca finirono immobili, conti correnti e 38 società. Tra queste anche quelle che fanno parte dell’impero editoriale, tra quotidiani, radio ed emittenti televisive.

Leggi anche altri post su catania o leggi originale
La confisca Ciancio, accusa e difesa non replicano. Attesa per la decisione sul patrimonio dell’editore


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, privo di intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer